INDIZIO:
Trame Svelate

Le immagini di sesso tra over 60 sono un tabù?

"45 Years" (2015) di Andrew Haigh

"45 Years" (2015) di Andrew Haigh

Il nuovo film “45 Years” di Andrew Haigh mostra una scena esplicita che coinvolge attori non più giovani, Charlotte Rampling e Tom Courtenay, precisamente un’ultrasessantenne e un settantenne: perché è così raro vederne al cinema? Forse per una questione culturale, forse per canoni estetici, forse per la paura di invecchiare, eppure non siamo abituati a vedere scene di sesso tra persone ultrasessantenni, laddove invece una ‘vita sessuale’ esiste ed è anche spesso più apprezzabile e gratificante di quella dei ventenni. Qualcosa però sta cambiando: sono proprio i sessantenni di oggi, i cosiddetti baby boomers, ad avere una visione diversa in materia rispetto alle generazioni precedenti, una vita diversa e soprattutto, aspettative di vita diverse.

Ricki-Flash-Pictures

Ricki and the Flash, (2015) di Jonathan Demme

E Meryl Streep, in quanto attrice che interpreta magistralmente il ruolo di una musicista rock nell’ultimo film “Richi and the Flash”, rappresenta in pieno questa ‘New Old Generation’ che continua a vivere la propria vita con energia, positività e una carica esplosiva che nulla ha da invidiare ai ventenni. Personalmente sento che il passare del tempo affina il mio gusto, il mio piacere e aumenta l’intensità di ogni momento in ogni ambito della vita. Nessun rimpianto, nessuna nostalgia e tanta voglia di vivere a livelli sempre più altiVoi cosa ne pensate?

In un articolo pubblicato sul sito della BBC Emma Jones indaga su uno degli ultimi tabù nel cinema: ecco alcune riflessioni interessanti sull’argomento.

Una coppia sposata va in crisi quando viene a galla inaspettatamente la notizia di una ex del marito. Nel tentativo di superare la cosa, i due coniugi bevono vino e chiacchierano. Quando vanno di sopra il marito suggerisce di fare l’amore, che non fanno da un po’. Segue il sesso. La scena è dal film “45 years”, i cui protagonisti hanno vinto quest’anno il premio Silver Bear al Festival del Film di Berlino. Ciò che rende questa scena insolita è che la coppia, interpretata da Charlotte Rampling e Tom Courteney, è ultrasessantenne. “Questa scena è fondamentale nel film, dice il regista Andrew Haigh. “Ma è stato divertente guardarla in uno strano silenzio alle anteprime perché il pubblico pensava che quando Kate, il personaggio di Charlotte, chiude la porta della camera da letto, quella fosse la fine della scena. Ma no, la scena continua. L’idea che invecchiando non dovremmo più avere sentimenti sessuali è per me, un uomo di 42 anni, uno stato delle cose molto triste.”. Questa scena è ciò che fa di “45 Years” un’anomalia, perché quando si parla delle abitudini in camera da letto delle persone in età da pensione, i registi tendono a tenere la porta chiusa. Fino a pochi anni fa film su persone anziane con una relazione erano rari in assoluto. Poi nel 2012 è arrivato “Amour” di Michel Haneke, vincitore di un Oscar e della Palma d’Oro.

amour

“Amour” (2012) di Michel Haneke

Allo stesso periodo appartengono i successi di pubblico “The Best Exotic Marigold Hotel” e “Quartet”. Tuttavia, anche se l’amore può sbocciare tra i settuagenari, le videocamere non si erano mai intromesse in una ‘consumazione’, lasciando intendere che non ce ne fosse alcuna.

thebestexoticmarigoldhotel

“The Best Exotic Marigold Hotel” (2012) di John Madden

Quartet_poster

“Quartet” (2012) di Dustin Hoffman

Niente da ridere
Il sesso tra persone mature sullo schermo è un tabù perché è così raro. “ 45 Years è un film meraviglioso che mostra questa coppia anziana interessante in quanto individui impegnati nel mondo, con una vita sociale attiva, e ne consegue che potrebbero essere anche sessualmente attivi”, evidenzia Wendy Mitchell, redattore di Screen International. “E’ importante che la scena di sesso sia realistica, che non sia finta e patinata, che sia il corpo invecchiato di Tom Courtenay in mutande. Ma non è girata per suscitare ilarità, e questo è cruciale perché le persone anziane che fanno sesso non dovrebbero essere una barzelletta”. Tuttavia la comicità è spesso il modo in cui Hollywood affronta gli amanti di una certa età. “Something’s Gotta Give” del 2003 in effetti include una scena di sesso tra i protagonisti, Diane Keaton e Jack Nicholson, ma il gioco è che il personaggio di Nicholson, ordinariamente solo interessato a donne giovani, deve ricorrere al Viagra.

something

“Something’s Gotta Give” (2003) di  Nancy Meyers

Un’altra commedia, “It’s Complicated” (2009) tiene la rinnovata vita sessuale di una coppia di separati, interpretata da Meryl Streep e Alec Baldwin, quasi completamente fuori dallo schermo. Ma Baldwin e Streep avevano appena cinquant’anni all’epoca delle riprese, quanti ne aveva Diane Keaton in “Something’s Gotta Give”: neanche anziani.

Film Title: It's Complicated

“It’s complicated” (2009) di Nancy Meyers

Nessun limite di età

Clare Binns, direttore di programmazione alla Picturehouse, una catena cinematografica independente in UK, crede che la reticenza anglosassone, che permea anche Hollywood, abbia a che fare con ciò. Quando si tratta di mostrare una vita sessuale soddisfacente a qualsiasi età “Il cinema europeo è sempre stato più audace di quello largamente puritano inglese”, afferma. “Mi viene in mente Fanny Ardant in “Bright Days Ahead”, una donna che aveva una relazione con un uomo più giovane di lei di vent’anni.

Bright-Days-3

“Bright Days Ahead” (2013) di Marion Vernoux

Anche Catherine Deneuve frequenta un uomo molto più giovane nel film “On My Way”, ma Marco Wejers del De Telegraaf pensa che persino i film d’essai fanno fatica a mostrare scene realistiche di sesso in cui entrambi gli attori appaiono anziani. (…)

elle s'en va

“On My Way” (2013) di Emmanuelle Bercot

“Poiché vedere queste scene ci costringe a confrontarci con l’invecchiare, la mia supposizione è che persino gli spettatori più anziani preferiscano guardare una scena di sesso tra persone più giovani: li aiuta a dimenticare di non essere più giovani”. Potranno i baby boomers, molti dei quali hanno aspettative di vita completamente diverse dalle generazioni precedenti, ribaltare questa preferenza? (…) Ci vorrà un “50 sfumature di grigio con Sigourney Weaver” come dice Clare Binns, affinché il pubblico accolga corpi non più giovani?

Lascia un Commento

Per aggiungere un tuo "filo" con un commento agli Indizi devi effettuare l'accesso.