INDIZIO:
La trama di Angélique

Tutti pazzi per l’orgasmo! Ecco perché io ne vado matta…

Se ne parla da secoli e ovunque. Dai trattati scientifici alle rubriche sui media femminili per donne che ancora lo stanno cercando, passando per la letteratura e la poesia: l’orgasmo è il tema scottante sempre à la page. Perché ne parliamo così tanto e soprattutto perché ci piace così tanto? Non si è ancora giunti a una conclusione unanime. Oppure si: la conclusione è che sul tema orgasmo l’omogeneità non esiste, a favore di una illimitata (e stimolante) varietà. In poche parole, ognuno ha i suoi motivi e i suoi orgasmi, diversi per intensità, modalità e godimento, un po’ alla “Basta che funzioni” alleniano. Per fortuna.
Nell’intento di arricchire le conoscenze in materia e di cercare di afferrare almeno un lembo di questo argomento sfuggente e misterioso (sarà anche per questo che ci ‘eccita’ tanto?), una sera a cena con alcune donne che ritengo schiette, prive di pregiudizi e ‘abbastanza esperte’, ho provato a lanciare la fatidica domanda, chiedendo di mettersi in gioco apertamente o di astenersi. Vietato barare: credo che l’onestà intellettuale sia alla base dell’evoluzione del pensiero.
Perché desiderate, cercate, pretendete l’orgasmo, che sia da sole o in compagnia?”.
Incredibilmente le circa quindici donne sedute al tavolo, sarà anche per l’effetto del buon rosso che scorreva generoso nei calici, non hanno avuto remore nel rispondere, pronte a prestare la propria esperienza alla ‘buona causa’. Ecco le risposte più diffuse:
“Per il piacere fisico. Sia da sola, sia in compagnia (meglio la seconda)”
“Per sentire se lui mi ama. (se si dedica a me, allora ci tiene!)”
“Per sentirmi desiderata: se gli piaccio riesco a provare piacere”
“Per porre fine a un problema fisico (mal di testa, crampi mestruali,…)
“Per dovere di coppia: in questo caso a volte fingo”.
“Per farla pagare a chi mi tradisce (ovviamente vado con un altro)”
“Per migliorare la mia posizione sociale. Alcuni uomini sul lavoro ti valutano a letto.” (OMG!)

Per quanto riguarda me, dopo oltre 10mila orgasmi (reali e non simulati…) posso affermare che l’orgasmo è uno dei miei piaceri preferiti e che:
o3
- Mi piace l’orgasmo da sola perché mi mette in contatto con la mia essenza più profonda e ripristina ‘l’ordine delle mie priorità’; ridimensiona tutto ciò che non ha valore, mi concede un approccio alla vita e alle situazioni più rilassato e oggettivo. Il mio motto da sempre è “Con un punto G ben massaggiato si può andare ovunque”.

- Mi piace l’orgasmo ‘in compagnia’ perché è come avere un compagno di giochi: per un po’ ti lasci andare e non sai come finirà. E’ un’esperienza che mi permette di ‘sentire’ l’altro e di capire il livello di intimità e la profondità delle emozioni. E qui le variazioni sul tema sono infinite:  da ‘è come una seduta di Pilates, rilassante e rigenerante’ a ‘cosa ci faccio qui ora?’, con conseguente simulazione per accelerare la fuga, passando per ‘Wow! Gran bel sesso! Vale la pena approfondire’ e ‘Lui non mi delude mai!’.

- Ci sono poi quegli orgasmi che mi resteranno dentro per sempre. Quelli  che sono arrivati inattesi, non so neanche come, mentre mi ero lasciata completamente andare all’altro in un’intesa che non dipendeva da nessuno dei due, ma mi conduceva altrove. Stanno sulle dita di una mano (forse di due) e hanno una sola cosa in comune: dopo quei viaggi non sono stata più la stessa.
Cinque (forse dieci) su diecimila: vorrà dire qualcosa, no?

bitcoin bitcoin-donation Un piccolo pensiero per la mia Anima Libera?
Libera donazione in Bitcoins all'indirizzo: 126BzU7miMqyfJvVfHfya9s6b6TUk8VEMf

Lascia un Commento

Per aggiungere un tuo "filo" con un commento agli Indizi devi effettuare l'accesso.